Ecoturismo

L’Associazione Mazingira, con l’aiuto della Cooperativa Biosphaera e del MUSE organizza un viaggio responsabile per Natale 2013.

Ecotour in Tanzania – Programma di massima

24/12/13- Arrivo all’aeroporto di Dar Es Salaam. Trasferimento in ostello e pernottamento.

25/12/13- Giornata dedicata alla visita di Dar Es Salaam, il secondo porto più grande dell’Africa orientale e centro economico del paese. La città è caratterizzata da un’affascinante atmosfera swahili e presenta una vasta scelta di siti culturali oltre che mercati d’artigianato. Pomeriggio libero. Cena tradizionale di Natale e pernottamento in ostello.

26/12/13- Partenza il mattino presto in minibus verso il Parco Nazionale dei Monti Udzungwa, situato nella regione di Morogoro nel centro della Tanzania (6 ore di viaggio circa). Questo Parco tutela uno degli ecosistemi forestali più intatti al mondo: la foresta dei Monti Udzungwa, che rientra nella catena dell’Eastern Arc, definita “Galapagos d’Africa” perché popolata da un elevato numero di specie animali e vegetali riscontrabili solamente in queste zone. Arrivo nel pomeriggio e sistemazione nell’ostello del Centro di Monitoraggio Ecologico dei Monti Udzungwa (UEMC). Il centro è gestito dall’ente parchi della Tanzania in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento. Incontro con i responsabili dell’UEMC e dell’associazione “Mazingira”. Cena e pernottamento nell’ostello UEMC.

27/12/13- Giornata di visita del Parco Nazionale dei Monti Udzungwa. In mattinata passeggiata tranquilla fino alle Cascate di Sanje, un complesso di cascate spettacolari, costituite da un susseguirsi di salti di diverse decine di metri tra imponenti pareti rocciose, accompagnati da una vista mozzafiato sulla fertile valle di Kilombero. Nel pomeriggio visita al gruppo di Cercocebi di Sanje, primati endemici della foresta degli Udzungwa e ad alto rischio di estinzione. Questo gruppo, che si trova poco distante dall’ingresso del Parco, è stato “abituato” alla presenza dell’uomo dai ricercatori dell’UEMC e dallo staff del Parco. Per questo motivo vivremo un’esperienza del tutto straordinaria, osservando questi primati da molto vicino nel loro ambiente naturale. Oltre al Cercocebo, il Parco ospita 11 specie di primati, di cui 5 endemiche. Cena e pernottamento nell’ostello dell’UEMC.

28/12/13- Mattinata dedicata alla visita di alcuni progetti che l’associazione Mazingira svolge con le comunità che abitano le pendici dei Monti Udzungwa. L’associazione Mazingira si occupa di sensibilizzazione sui temi della sostenibilità ambientale e conservazione di ecosistemi vulnerabili minacciati dallo sviluppo antropico. Passeggiando nei tranquilli villaggi ai margini della foresta, si avrà uno scorcio su un’africa rurale, genuina e solare. Pomeriggio libero, in villaggio oppure con ritorno all’UEMC. Cena e pernottamento nell’ostello dell’UEMC.

29/12/13 – *Primo giorno di trekking nel Parco Nazionale dei Monti Udzungwa. Si percorreranno circa 13 km nella fitta foresta caratterizzata da alberi secolari alti 60 metri, fino al campo base attrezzato nel cuore del Parco. Il percorso è comodo con un dislivello di circa 700 m e non presenta particolari difficoltà. Il campo base permanente dove si pernotterà in tenda è dotato di cucina e bagni spartani e si trova nelle vicinanze del fiume, dove sarà possibile lavarsi.

30/12/13- Il secondo giorno di trekking prevederà il percorso andata e ritorno dal campo base al picco di Mwanihana. Si percorreranno 7 km all’andata e 7 al ritorno ed è previsto un dislivello maggiore (dai 900 m del campo base ai 2100 m s.l.m. di Mwanihana Peak). La fatica sarà ricompensata dalla magnifica vista dal picco sulla Valle del Kilombero. Cena e pernottamento al campo base.

31/12/13- Partenza dal campo base per il trekking finale che ci riporterà all’UEMC. Cenone e veglia di Capodanno con possibilità di festeggiare l’arrivo del nuovo anno in villaggio. Pernottamento all’UEMC.

01/01/14- Partenza con il minibus per il Ruaha National Park, il più grande Parco Nazionale del paese. Questo Parco è caratterizzato da un ecosistema incontaminato ed è popolato da una delle più numerose popolazioni di elefanti presenti in Africa, oltre che da grandi gruppi di licaoni, difficili da avvistare in altri parchi, ghepardi, antilopi, leoni, ippopotami, e più di 400 specie di uccelli. Sosta pranzo a Iringa, incantevole cittadina e centro agricolo, situata a 1600 m di altitudine. Arrivo nel tardo pomeriggio all’ecolodge vicino all’ingresso del Parco. Cena e pernottamento.

02/01/14- Sveglia all’alba e partenza per il safari in auto all’interno del Parco Nazionale di Ruaha: gli animali del Parco sono più attivi nei momenti più freschi della giornata (alba e tramonto), quindi sarà importante alzarsi presto per cogliere il più possibile della natura che ci circonderà. Percorreremo in auto l’aspra savana punteggiata da acacie ombrellifere e baobab e costeggeremo le magnifiche rive del fiume Great Ruaha dove si concentrano gli animali durante la stagione secca alla ricerca della poca acqua rimasta. Pranzo al sacco all’interno del Parco. Ritorno all’ecolodge al tramonto. Cena e pernottamento.

03/01/14- Dopo la colazione trasferimento dal Ruaha National Park a Dar es Salaam con arrivo nel tardo pomeriggio. Sistemazione in ostello e cena libera (a Dar o presso l’ostello).

04/01/14- Colazione in ostello e trasferimento al porto di Dar es Salaam dove ci aspetta il traghetto per l’isola di Zanzibar (2 ore di viaggio circa). Attracco a Stone Town, cuore dell’isola, e sistemazione in ostello. Pomeriggio libero. Cena al tramonto ai Forodhani Gardens, giardini pubblici sul mare e luogo di ritrovo serale, dove sarà possibile assaggiare alcune specialità gastronomiche dell’isola, come il polpo alla griglia, pane naan e samosa.

05/01/14. Giornata dedicata alla visita di Stone Town, attraverso le sue stradine affollate che si sviluppano come un labirinto di pietra tra le case e gli antichi palazzi. L’architettura di Stone Town è un miscuglio di influenze arabe, indiane, europee e africane. L’elemento più caratteristico sono le porte in legno sfarzosamente intarsiate, più antiche delle case in cui sono collocate. Si visiteranno alcune moschee e il mercato Darajani, il più grande e colorato della città, dagli intensi odori speziati. Aperitivo sul mare per osservare il passaggio dei “Dhow” a vele spiegate. Pernottamento in ostello a Stone Town.

 06/01/14- Dopo colazione viaggio con un “dala dala”, tipico pulmino locale, verso il Sud-est dell’isola, caratterizzato da lunghe spiagge bianche e filari di palme da cocco. Arrivo a Jambiani, tranquillo villaggio di pescatori. Sistemazione in bungalow, pomeriggio di relax in spiaggia di fronte alle sfumature turchesi dell’oceano Indiano. Cena e pernottamento.

07/01/14. Al mattino passeggiata nel villaggio di Jambiani, dove la popolazione vive di pesca, agricoltura e coltivazione di alghe. Visita ai progetti di cooperazione che la ONG ACRA svolge in queste aree rurali. Pomeriggio libero in spiaggia, passeggiando sulla barriera corallina nelle ore di bassa marea quando il mare si ritira per diverse centinaia di metri. Cena e pernottamento a Jambiani.

08/01/14- Dopo colazione ritorno verso Stone Town. Sosta a metà via per osservare la Foresta di Jozani, unico territorio dove si può ammirare la vegetazione che un tempo ricopriva l’isola, prima della deforestazione per introdurvi piantagioni di chiodi di garofano e palme da cocco. Arrivo a Stone Town nel pomeriggio, cena libera e pernottamento in ostello.

09/01/14- Trasferimento all’aeroporto di Zanzibar per il volo di ritorno in Italia.

Il presente programma potrà essere soggetto a variazioni sia prima che in corso di viaggio per condizioni climatiche, cause organizzative o di forza maggiore

*Il Trekking è facoltativo e richiede un certo grado di adattabilità per via dei pernottamenti in foresta piena e le condizioni climatiche e ambientali tipiche di foresta pluviale. Durante le escursioni si potrà ammirare il susseguirsi delle diverse fasce vegetazionali con il graduale aumento dell’altitudine. Sarà possibile anche avvistare alcuni degli animali presenti in foresta: colobi, cercocebi, elefanti, anfibi, camaleonti, oltre che numerose specie di uccelli. In alternativa al trekking proposto si potranno effettuare una serie di escursioni in giornata per ammirare la splendida flora della foresta dell’Udzungwa rimanendo a dormire all’UEMC. Sarà possibile inoltre visitare una scuola situata in uno dei villaggi ai margini degli Udzungwa dove l’associazione Mazingira svolge un programma di educazione ambientale.

Le altre attività:

I commenti sono disabilitati, ma trackbacks e pingbacks sono abilitati.